Caduta dei Capelli Stagionale

Quando parliamo di "caduta stagionale dei capelli" facciamo riferimento a quella perdita eccessiva della nostra capigliatura che avviene in specifici mesi dell'anno sia per motivi naturali che a causa di cambiamenti climatici e/o delle proprie abitudini che vanno ad influire sulle nostre condizioni fisiche.


Capelli: caduta stagionale o perdita patologica? Come capire quando intervenire.

Cerchiamo innanzitutto di distinguere le 2 situazioni prima di entrare nel pieno dell'argomento.

In breve possiamo dire che la caduta dei capelli è detta "stagionale" quando perdiamo giornalmente un quantitativo rilevante di capelli in determinati periodi quali l'autunno (da settembre a novembre) e la primavera (da aprile a maggio).

Però, anche se in specifici periodi dell'anno il numero dei capelli persi supera la quantità di 100 al giorno, si tratta comunque di una perdita fisiologico-naturale (e non patologica!) se questa rientra nella "fase telogen" del ciclo di vita del capello (cioè "caduta al termine del ciclo di ricrescita") alla quale seguirà una nuova rinascita.

Vedremo in seguito che possono presentarsi problemi per i nostri capelli anche nei periodi invernali ed estivi.

In presenza di prurito e/o dolore, anche nei casi di caduta di tipo stagionale è consigliabile sottoporsi ad un controllo medico accurato per escludere problemi patologici specifici alla cute.

uomo calvo

Caduta stagionale dei capelli in AUTUNNO e PRIMAVERA



La caduta autunnale dei capelli -e quella primaverile anche se in quantità meno intensa- coinvolge sia la popolazione maschile che quella femminile.

Il tutto rientra nel ciclo naturale di adattamento al clima al quale sono soggetti tutti gli esseri viventi quando le temperature cominciano ad abbassarsi: gli alberi si adattano riducendo il loro ciclo di crescita e in conseguenza perdendo le foglie, mentre gli animali si preparano al letargo accumulando grasso corporeo e con quel fenomeno che prende il nome di muta del pelo.

A livello più prettamente scientifico, però, esistono differenti teorie che cercano di dare una spiegazione più precisa a questo fenomeno della caduta stagionale dei capelli.


Cause scientifiche per la caduta stagionale dei capelli



Le teorie più autorevoli in questo ambito prendono in considerazione:


- l'influenza che i cambiamenti nel rapporto tra le ore di luce e quelle di buio possono avere sull'equilibrio ormonale;
- le cause genetiche legate a quel processo biologico comune a tutti i mammiferi e detto "muta del pelo";
- lo stress psichico ed emotivo che si genera al momento del rientro in città quando ci si ritrova di fronte ad un numero maggiore di attività da svolgere.
Inoltre, non dobbiamo dimenticare il normale e fisiologico ciclo di vita dei capelli (periodo che può andare dai 2 ai 6 anni) all'interno del quale la nostra capigliatura si rinnova continuamente (almeno una ventina di volte nel corso della vita di un essere umano!). In primavera e in autunno, periodi di grande rinnovamento del clima, questo ciclo è accelerato.

uomo con calvizie


Caduta dei capelli durante l' ESTATE


Può accadere che anche in estate si verifichi una abbondante caduta dei capelli.

Si tratta in questo caso di semplici motivazioni fisiche che possiamo facilmente identificare e cercare di limitare in quanto alla portata di tutti:


- esposizione ai raggi solari - I raggi ultravioletti possono, in caso di esposizione eccessiva, danneggiare la salute dei nostri capelli andando ad incidere non solo sul loro colore (sbiadendoli) ma rendendoli soprattutto deboli e sfibrati. Si parla in questo caso di capelli "bruciati" dal sole;
- contatto con sostanze quali cloro e/o salsedine - Il cloro delle piscine e la salsedine marina rendono aridi e secchi i nostri capelli che hanno bisogno di essere ben lavati e risciacquati dopo un bagno al mare o in piscina e, contemporaneamente, reidratati con shampoo emollienti;
- lavaggi troppo frequenti - Se da un lato lavare i capelli frequentemente li salva dal cloro e dalla salsedine, dall'altro l'uso di shampoo troppo aggressivi potrebbe compromettere l'equilibrio del nostro cuoio capelluto;
- caldo, sudore e umidità correlata - L'umidità che si viene a creare sulla nostra cute a causa del sudore generato dal calore estivo potrebbe far proliferare agenti patogeni sul nostro cuoio capelluto che, a lungo andare, potrebbero dar vita a micro infezioni e a problematiche più gravi se non si corre ai ripari;
- alimentazione sbagliata e/o non equilibrata - Durante l'estate il nostro organismo necessita di una maggiore idratazione e di un maggior apporto vitaminico. L'assunzione di molti liquidi e una dieta sana ed equilibrata sono fondamentali non solo per il benessere complessivo del nostro organismo, ma anche per la salute della nostra cute e dei nostri capelli.

Salute e problematiche dei nostri capelli in INVERNO


Anche il freddo eccessivo come il troppo caldo va ad incidere sulla salute dei nostri capelli. È quindi necessario imparare a proteggerli senza però cadere nell'eccesso opposto e soffocarli.


Fate attenzione al "troppo freddo" e al "troppo caldo"


Gli eccessi sono sempre dannosi anche quando si tratta di temperature.

Infatti, gli sbalzi eccessivi tra temperature calde e fredde possono danneggiare la nostra cute e i nostri capelli rendendoli opachi o troppo secchi.

Non sottovalutate neanche l'uso del phon: quando vi asciugate i capelli tenete il dispositivo a debita distanza.

Lo stesso ragionamento è da fare nel caso della piastra lisciante o per la messa impiega: mai abusarne.

Nel caso non possiate proprio farne a meno, ricordatevi almeno di idratare bene i capelli.


Parola d'ordine durante il periodo invernale: NUTRIRE i capelli


Fondamentale in inverno non è solo la protezione dei nostri capelli, ma soprattutto il loro nutrimento con prodotti adatti alla loro cura quali balsami e maschere con proprietà idratanti ed emollienti.

Il tutto però deve essere fatto con oculatezza: mentre un prodotto come il balsamo può essere utilizzato con frequenza, si consiglia di applicare la maschera non più di una volta a settimana.

Tom-Hardy


Non dimenticate di usare un cappello adatto


Un altro elemento fondamentale per la protezione dei nostri capelli in inverno è l'uso di un cappello.

In questo caso è necessario fare molta attenzione al materiale di produzione: usate sempre cappelli realizzati con fibre naturali, in particolare cotone e/o lana, ed evitate materiali sintetici che possono elettrizzare i capelli.


Prodotti anticaduta per capelli: dove posso comprarli ad un prezzo basso?



Nel nostro sito sono presenti numerosi links ai quali potete accedere per rintracciare e acquistare il prodotto migliore per combattere la caduta dei capelli maschile.

Stiamo parlando del Profolan, un integratore alimentare che per me e 3 dei miei amici è stato molto utile nella risoluzione dei nostri problemi legati alla calvizia.

Il web è pieno di siti/rivenditori specializzati nella vendita a prezzi elevati di prodotti per combattere la caduta dei capelli.

Sul nostro sito abbiamo effettuato un'accurata selezione di e-commerce dove poter trovare questi stessi prodotti a prezzi più accessibili.

Ma, se il prodotto che state cercando è il Profolan, e vi interessa sapere dove trovarlo al prezzo più basso sul web, cliccate sul LINK sottostante:

AUTORE:

Augusto Riva

Sono un'appassionato del settore che lavora e vive a Roma, la mia città di nascita. Sia io che mia moglie abbiamo passato anni a soffrire del problema della calvizia e, una volta trovata la soluzione, abbiamo deciso di condividere le nostre esperienze e opinioni su questo portale, dato che la maggior parte dei rimedi e consigli sul web sono fuorvianti.

Puoi leggere di più su di me qui.

Torna alla Homepage