Prurito in Testa: Cause, Sintomi e Rimedi

Le cause del prurito alla testa possono essere varie, e riconducibili a fattori di tipo fisico o chimico.

Fra le più comuni motivazioni vi sono dermatiti di vario genere, allergie al cuoio capelluto, infezioni e presenza di pidocchi.

Tali cause possono comportare la presenza di altri sintomi, che provocano molto spesso pustole, diradamento e secchezza del capello, arrossamenti che sfociano in frequenti sensazioni di bruciore e disagi simili.

Alcune dermatiti possono causare la desquamazione del capello, la cui conseguenza è un'insistente sensazione di fastidioso prurito. Il prurito viene scatenato da piccole lesioni, definite eritematoso-squamose, che possono causare psoriasi e forfora.

Fattori quali stress eccessivo, oppure l'uso prolungato di shampoo aggressivi, possono concorrere all'aumento del prurito al cuoio capelluto.

Una delle tipologie di dermatite è quella atopica, che si manifesta in presenza di cute secca, spesso associata a pruriti costanti e chiazze cutanee.

Arrossamenti e prurito insistente possono essere manifestati anche da dermatiti cosiddette di contatto, oppure dall'orticaria.

Durante l'esposizione al sole, inoltre, il cuoio capelluto tende a seccarsi, quindi il prurito potrebbe manifestarsi con una certa facilità, soprattutto se l'esposizione ai raggi solari è stata prolungata.

Altri fattori che provocano arrossamenti e prurito sono la presenza di pidocchi fra i capelli, la scabbia, oppure infiammazioni di follicoli e mucose.

Per controllare rapidamente se vi sono pidocchi, basterà uno sguardo alla nuca e alla zona attorno alle orecchie: senza l'ausilio di particolari strumenti, si potrà notare la presenza di pidocchi, soprattutto se i capelli vengono pettinati contropelo.

Se la persona tende ad essere molto stressata, tesa o ansiosa, potrebbe essere soggetta a tricodinia, ovvero dolori e prurito al cuoio capelluto. La tensione potrebbe causare anche sintomi più fastidiosi, quali l'alopecia causata da stress.

Il prurito è direttamente collegato con piccole azioni che si ripetono ogni giorno: eseguire spesso pettinature elaborate, oppure indossare con una certa frequenza il casco, potrebbe concorrere all'aumento del prurito.

Se si beve poco, inoltre, o i capelli hanno pochi grassi, si potrebbe avvertire una sensazione di fastidio.

Avvertire prurito è spesso un campanello d'allarme per patologie non facilmente individuabili, quali calcoli alla colecisti, problemi di tiroide, epatite e lupus.

Come porre rimedio alla fastidiosa sensazione di prurito


In base al problema, vi è una soluzione specifica per trattare il prurito al cuoio capelluto.

Se la motivazione è di tipo patologico, dovresti consultare il tuo medico, in modo tale da studiare assieme una valida soluzione al problema.

La prima cosa da tenere in considerazione, è l'alimentazione: essa, infatti, è il punto cardine sul quale si muove la salute dei tuoi capelli. Con un'alimentazione sana, i tuoi capelli saranno forti e robusti. Per poter aiutare i tuoi capelli a svolgere questo compito, non dimenticarti di assumere abbastanza vitamine e ferro ogni giorno.

Quando le stagioni cambiano, i capelli possono indebolirsi: è per tale ragione che ti possono tornare utili diversi tipi di integratori, quali zinco, metionina e ferro, che mantengono il tuo capello forte e in salute.

Eliminare i tensioattivi dal proprio shampoo è un ottimo modo di riparare i danni causati da una lunga esposizione ai raggi solari: basterà un prodotto senza agenti schiumogeni per far tornare il tuo cuoio capelluto a respirare.

Molto importante è il lavaggio dei capelli, che può avvenire anche giornalmente, in quanto la testa continua a produrre sebo in continuazione, favorendo il prurito: solitamente, si tende a credere che il lavaggio frequente possa produrre maggiore prurito, tuttavia l'eliminazione del sebo in eccesso può seriamente contribuire alla diminuzione di arrossamento e dolore.

Se si utilizza uno shampoo non aggressivo, inoltre, il capello ne gioverà maggiormente.

La cura del capello combatte il prurito

In base a quanto detto in precedenza, perciò, sia i fattori esterni che varie patologie interne possono essere la causa del fastidioso prurito al cuoio capelluto.

La soluzione a questo problema è semplice: prendersi cura dei propri capelli, giorno dopo giorno, dedicando giornalmente qualche minuto alla propria cute e alla sua salute.

Per eliminare ogni fastidio, usa ogni giorno shampoo delicati e privi di agenti schiumogeni: il miglioramento sarà immediato e duraturo.

AUTORE:

Augusto Riva

Sono un'appassionato del settore che lavora e vive a Roma, la mia città di nascita. Sia io che mia moglie abbiamo passato anni a soffrire del problema della calvizia e, una volta trovata la soluzione, abbiamo deciso di condividere le nostre esperienze e opinioni su questo portale, dato che la maggior parte dei rimedi e consigli sul web sono fuorvianti.

Puoi leggere di più su di me qui.

Torna alla Homepage