Ginnastica Facciale dei Capelli: esercizi per fermare la caduta

Secondo recenti studi, il processo di diradamento dei capelli potrebbe essere bloccato dalla stimolazione di specifici muscoli di cranio e volto.

È la “ginnastica facciale” il nuovo innovativo metodo made in USA in grado di contrastare la perdita dei capelli, riattivandone la ricrescita.

Basandosi sul principio che il mantenimento della salute e dell'elasticità del cuoio capelluto sarebbe in grado di previene la caduta dei capelli, questo metodo prevede l'esecuzione di facili esercizi da eseguire quotidianamente, in grado di stimolare la cute del cranio, aumentandone la tonicità.

L'impegno richiesto non è eccessivo; ti saranno sufficienti dieci minuti al giorno per ottenere risultati visibili.

Gli esercizi, che mettono in movimento i muscoli di orecchie, sopracciglia e fronte, insieme ad altri muscoli facciali, vanno eseguiti preferibilmente al mattino.

Utilizza acqua tiepida per sciacquarti il volto prima di iniziare la tua seduta di allenamento quotidiano.

Non solo capelli! Gli studi svolti dimostrano che la ginnastica facciale, mantenendo in allenamento alcuni importanti muscoli del viso, sarebbe in grado di ridurre anche rughe e occhiaie, eliminando i ristagni di liquidi.

Per saperne di più, guarda il seguente filmato:  


Cos'è lo Scalp Exercise?


Praticando body building, l'oggi ultraottantenne Tom Hagerty aveva iniziato fin da giovane a lavorare sui muscoli per scolpire il corpo.

Fu quando, appena diciannovenne, si accorse di un principio di diradamento dei capelli, che iniziò a interessarsi anche ai muscoli del cranio e del volto, arrivando a concepire la tecnica denominata “scalp exercise”.

In cosa consiste lo scalp exercise?

In sintesi, consiste nel far lavorare i muscoli della fronte e della nuca, contraendoli e distendendoli alternativamente, in modo da far muovere avanti e indietro la cute del cranio.

I muscoli frontali faranno muovere il cuoio capelluto in avanti, mentre la contrazione dei quelli occipitali lo sposteranno indietro. Imparare a muovere gli occipitali senza coinvolgere altri muscoli potrebbe non essere una cosa immediata e potresti avere bisogno di un po' di tempo per riuscirvi; per imparare a contrarli, dovrai mantenere il resto del corpo rilassato e concentrarti solo su di essi.

Praticando questi semplici esercizi per una decina di minuti al giorno, l'ex body builder è riuscito non solo ad arrestare la caduta dei capelli, ma anche a rinfoltirli.

Hagerty non è l'unico testimone del successo di questa tecnica; sul forum dedicato alla disciplina, molti dei suoi follower hanno postato immagini che dimostrano chiaramente come siamo essi stessi riusciti ad ottenere risultati visibili.

Qual è il segreto di questa tecnica?

Come mai aiuta la ricrescita dei capelli?

Hagarty afferma che molti di coloro che mettono in pratica i suoi insegnamenti si focalizzano principalmente sul miglioramento della circolazione sanguigna del cuoio capelluto, il quale aiuterebbe a stimolare i bulbi piliferi.

Secondo lui però alla base dell'efficacia di questo metodo ci sarebbero, oltre a questo, molti altri fattori.

Uno di questi è stato evidenziato da Rei Ogawa, medico di origine giapponese, il quale sottolinea come le forze meccaniche sarebbero in grado di stimolare le cellule, migliorando la salute del cuoio capelluto e, di conseguenza, favorendo la ricrescita dei capelli.

Il movimento muscolare caratteristico dello scalp exercise agirebbe dunque sui processi biologici delle cellule, favorendo la ricrescita.


Nonostante i suoi 83 anni, Hagerty, come mostrano i suoi video, ha ancora una bella chioma. Il merito? Gli esercizi di scalp exercise che continua a praticare ogni giorno, con costanza, per una decina di minuti.

Se sei un neofita di questa pratica, secondo quanto riportato sul suo sito internet, potrai vedere i primi risultati in meno di un anno. Per cominciare, potrai seguire i suoi video su Youtube, dove mostra alcuni esercizi facciali.


Shapeyourface.com e hairloss-reversible.com sono i siti di Hagerty su cui potrai trovare le spiegazioni dettagliate del semplice esercizio di ginnastica facciale; in aggiunta, potrai chiedergli ulteriori consigli e chiarimenti tramite il forum.

Acquistando il suo dvd dedicato allo scalp exercise, in vendita sul sito, avrai invece una panoramica molto più vasta delle modalità di esecuzione di questa tecnica.

Oltre a quella di Hagerty, molti dei nostri utenti seguono con successo altri interessanti metodi, tra cui quello di Jacopo Fo.

Il metodo leggero del Movimento Rallentato



Prendendo spunto dal Tai Chi Chuan, una disciplina cinese basta in parte sulla lentezza dei movimenti, l'italiano Jacopo Fo ha ideato un metodo alternativo al precedente, i cui risultati sono però i medesimi.

Come spiega a Epoch Times, muovendo molto lentamente i muscoli della testa, i muscoli del volto e della nuca si rilassano e, di conseguenza, la circolazione sanguigna migliora.

Una migliore circolazione favorisce l'irrorazione dei tessuti che costituiscono il cuoio capelluto.

Quali muscoli vengono coinvolti nell'esercizio proposto da Jacopo Fo? Muscoli di orecchie, fronte e sopracciglia, nonché quelli di fronte e nuca, ossia tutti quei muscoli che sono in grado di far muovere la pelle che ricopre il cranio.

Come per la tecnica precedente, dovrai fare un po' di pratica prima di riuscire a padroneggiare totalmente i movimenti di questi muscoli e a muoverli con la lentezza richiesta dalla tecnica.

Il miglioramento della circolazione del sangue in corrispondenza del cuoio capelluto ti farà avvertire una sensazione di calore o un lieve formicolio durante l'esecuzione dell'esercizio.

AUTORE:

Augusto Riva

Sono un'appassionato del settore che lavora e vive a Roma, la mia città di nascita. Ho deciso di condividere la mia esperienza e opinioni su tematiche relative ai capelli su questo portale, dato che ho trovato molti consigli sul web fuorvianti.

Torna alla Homepage